Vivessi mille anni, non smetterò mai di ripetere che l’organizzazione è la miglior alleata della libertà. Tuttavia, so anche che trovare un equilibrio che ci permetta di assolvere i doveri lasciando anche spazio al piacere e alla libertà può essere difficile, soprattutto se lavori in proprio e devi stare dietro a millemila cose a cui magari non avevi nemmeno pensato quando hai deciso di cambiare vita per inseguire la tua idea di libertà.

Se sei nemica dell’organizzazione perché pensi che pianificare sia l’anticamera dell’inferno per la creatività, sono qui per smentirti! Oggi infatti ti spiego una strategia semplice ma eccezionale per organizzare il tuo lavoro e la tua agenda lasciando ampio spazio alla libertà. E ti assicuro che se seguirai i cinque passaggi qui sotto non tornerai più indietro.

Crea una master list delle cose da fare

Il primo passo per organizzarsi è sapere esattamente ciò che devi fare e quando. Raduna tutti i post-it che hai sparso sulla scrivania, gli appunti scritti dietro alla lista della spesa e quant’altro e crea un elenco completo di tutte le cose che devi fare.

Poi, assegna a ciascuna attività una data di scadenza e suddividi l’elenco per ordine di priorità. Usa uno strumento come Asana o Trello per tenere traccia di tutte le scadenze, e prendi l’abitudine d’ora in poi di aggiungere ogni nuova attività della master list alla tua board. Così inizierai ogni giornata sapendo esattamente ciò che devi fare, senza dover pianificare ogni sera il giorno successivo. Mica male, no?

 

Organizza le tue giornate

Per organizzarti mettendo al centro la libertà, struttura la tua giornata dividendola in tre blocchi. Dedica un blocco al piacere, uno alle cose quotidiane e uno al lavoro. Poi, metti in agenda i tuoi impegni riempiendo prima lo spazio dedicato al piacere, poi quello dedicato alle incombenze di tutti i giorni e infine lo spazio del lavoro.

Può sembrarti un controsenso ma non è così: dando la giusta priorità al piacere, ti assicurerai di non relegare te stessa e il tuo desiderio di libertà in un angolino. Inoltre, scegliere consapevolmente di dedicare meno tempo al lavoro ti stimolerà ad essere più produttiva e a lavorare meglio per portare a termine i tuoi doveri.

In più, iniziare la giornata dedicandoti alle cose che vuoi fare ti farà fare il pieno di energia per affrontare le parti della giornata dedicate al dovere. E anche i piccoli intoppi quotidiani ti sembreranno meno fastidiosi.

 

Inizia la giornata con il piede giusto

Come ho già detto, costruire la nostra libertà richiede impegno e costanza. Per rimanere sempre centrata sull’obiettivo, ti consiglio di creare una routine del mattino che ti aiuti a trasformare la tua intenzione in energia da investire nelle azioni che ti porteranno a realizzarla.

Ricorda che la libertà è uno stato dell’essere. Per entrare in sintonia con questa energia, chiediti ogni giorno: Di cosa ho bisogno? Che cosa desidero oggi?

 

Prenditi cura del tuo corpo

Quando lavoriamo, spesso ci concentriamo troppo su ciò che stiamo facendo e finiamo per dimenticare i bisogni del nostro corpo. Ignoriamo la schiena dolorante, la gamba addormentata, l’aria pesante… E così facendo lasciamo che i nostri doveri abbiano la meglio sul nostro benessere e sul piacere che ne consegue. Ma, come ho spiegato per bene in questo video, prendersi cura di sé è fondamentale se vuoi creare un business di successo.

Per rimediare basta un piccolo accorgimento: durante la giornata, fai delle brevi pause in cui ascoltare e riaccendere il corpo. Spalanca la finestra e goditi qualche minuto di sole e aria fresca; balla sulle note della tua canzone preferita per risvegliare le articolazioni e i muscoli; prepara uno spuntino sano per fare il pieno di energia senza annebbiare il cervello.

E non azzardarti a dire “non ho tempo”, eh?

 

Concludi ogni giorno con una riflessione

Prima di concludere la giornata e passare al riposo, rifletti brevemente su come è andata e sul “livello di libertà generale” della giornata.

Ti sei sentita libera? Nello specifico, che cosa ti ha fatto sentire libera e cosa invece ti ha dato la sensazione di essere in gabbia? Quali strumenti o situazioni ti hanno permesso di sentirti come desideravi e cosa ti ha impedito di agire come volevi?

Rifletti su questi aspetti e annota le tue considerazioni su un quaderno. Potrai usare queste riflessioni come spunto per capire cosa puoi migliorare nel tuo modo di agire e di organizzarti per avvicinarti sempre di più al tuo ideale di libertà.

Se vuoi approfondire l’argomento iscriviti a Equilib(e)ra: è un percorso gratuito di cinque giorni che ti insegna a capire cosa significa per te “essere libera” e come gestire meglio il tuo tempo per essere più libera ogni giorno. Pronta a trasformare il desiderio in realtà?

Salva questo articolo su Pinterest: