Superare la vergogna di vendere © Giada Carta

OK, sei cresciuta a pane e televendite anni Novanta in cui qualunque ciofeca veniva presentata come la soluzione ai mali del mondo tra quintali di cerone e contatori fosforescenti. E adesso quando devi fare marketing ti immagini davanti alla telecamera, sudata e con gli occhi fuori dalle orbite, pronta a sbattere i pugni sul tavolo urlando come il Baffo. Così alla fine non promuovi il tuo lavoro, non ti fai conoscere e fine mese ti senti una fallita.

Gioisci fanciulla! Non sei davvero un’inetta condannata alla miseria. Sei solo vittima della vergogna di vendere, una delle millemila menate che affollano la testa delle donne in carriera e soprattutto di chi lavora nell’ambito della relazione d’aiuto e del benessere psico-fisico.

Capita spesso infatti che coach, consulenti e facilitatrici si lascino fregare dalle paranoie sul marketing, pensando che parlare di denaro non sia consono in un ambito dove l’obiettivo ultimo è aiutare le persone a stare meglio con sé stesse. Ma le pippe mentali sulla vendita possono colpire chiunque: artigiane, esperte del web, commercialiste. Nessuno è immune.

Se anche tu hai terribili attacchi di ansia quando devi promuovere il tuo lavoro ma non vuoi rinunciare al tuo sogno di cambiare il mondo attraverso il tuo business, eccoti qualche consiglio super-pratico per fare pace con il marketing e iniziare a vendere con successo.

Riallineati alla tua missione

Una delle cause più comuni della vergogna di vendere è il pensiero che fare marketing significhi cercare di rifilare fregature. Questa convinzione può arrivarti da esperienze personali negative, dall’ambiente in cui sei cresciuta o dai media ma non è la realtà.

Vendere è una parte fondamentale del fare business. È un processo che non ha qualità intrinseche e se lo fai in modo etico e rispettoso del tuo pubblico non può certo essere la cosa brutta e cattiva che temi che sia, non credi?

Se dentro di te hai la convinzione limitante che vendere è il male, puoi superarla riallineandoti alla tua missione. Ripensa alla motivazione ideologica che ti ha spinto a creare la tua attività: quale impatto vuoi avere sul mondo con il tuo lavoro? Poi crea una meravigliosa e coloratissima inspiration board che rappresenti la tua missione, da usare come faro ogni volta che devi promuovere i tuoi servizi e la vergogna di vendere torna alla riscossa.

Metti il tuo cliente al primo posto

Spesso quando ci vergogniamo di vendere è perché dentro di noi sappiamo che i soldi che otteniamo dal nostro lavoro ci servono per vivere, e più abbiamo bisogno di raggiungere un determinato risultato più ci sentiamo in difetto quando è il momento di chiedere.

Questa spirale molesta è nociva sul breve termine perché ti impedisce di vendere con successo ma anche a livello più ampio. Se continui a sentirti come un imbonitore del mercato, questo avrà delle conseguenze sulla tua autostima e quindi sulla tua capacità di gestire il tuo business con fiducia e sicurezza.

Per sviluppare un approccio più sano al marketing, prova a cambiare prospettiva: anziché concentrarti su quello che riuscire a vendere significa per te e la tua attività, pensa al tuo cliente e al fatto che ciò che fai contribuisce al suo benessere.

Ricordati che i tuoi servizi sono nati per risolvere un problema o soddisfare un desiderio di persone vere, e che non promuovendo le tue meraviglie stai di fatto impedendo a quelle persone di ottenere ciò di cui hanno bisogno.

Lavora su te stessa per superare le paranoie

Come accennavo prima, in molti casi la vergogna di vendere nasce dal fatto che non abbiamo sviluppato un rapporto equilibrato con il denaro. Se non viene risolto, questo squilibrio porta allo sviluppo di sentimenti negativi e convinzioni moleste che non ci permettono di lavorare serenamente e godere dei frutti del nostro impegno.

Nella mia esperienza, le paranoie principali che impediscono alle donne di avere successo nel business sono la sindrome dell’impostore, la sindrome dello sciacallo e quella che io chiamo affettuosamente (ma non troppo, muahahah) la sindrome di Mastrota. Se vuoi sapere come liberarti di queste pippe mentali, questa meravigliosa masterclass è quello che fa per te.

Dai il giusto valore al tuo lavoro

Quante volte ti sei lasciata bloccare dal pensiero che i tuoi servizi avessero un prezzo troppo alto o troppo basso rispetto al loro valore reale?

Dai, non gigioneggiare. Capita a moltissime persone, soprattutto agli inizi dell’attività, di passare ore su internet per confrontare i propri prezzi con quelli dei competitor o di cedere alle insistenze di un cliente terribile che voleva a tutti i costi uno sconto perché “X propone la stessa cosa a meno”.

Se la tua vergogna di vendere nasce dalla difficoltà di assegnare il giusto valore al tuo impegno, devi imparare a fare i conti e mettere dei paletti per assicurarti di non lavorare mai in perdita o farti sopraffare dai clienti troppo aggressivi.

Per fortuna c’è un modo semplicissimo di risolvere questo problema: è un fantastico webinar gratuito in cui ho concentrato tutto quello che devi sapere per decidere i prezzi dei tuoi servizi senza stress e negoziare senza perdere la testa. Guardalo subito e inizia a superare tutte le tue paure!

Salva questo articolo su Pinterest: