Uno degli aspetti fondamentali del mio lavoro di Soulful Mentor consiste nell’aiutare le future businesswomen del secolo a fare pace con l’idea di successo, smantellando i pensieri nocivi che ci limitano e ci impediscono di raggiungere gli obiettivi e realizzare la nostra visione.

Quando racconto questa cosa a chi non mi conosce, molte persone storcono il naso pensando che io sia una pazza convinta di vivere in un mondo confettoso pieno di unicorni e feste a sorpresa… ma se chiedessero alle mie clienti saprebbero che non è così, perché la prima cosa che insegno loro e su cui martello tantissimo in tutti i miei percorsi è imparare a distinguere la realtà dalle pippe mentali.

Di menate sul successo se ne sentono ogni giorno, e la più grande è che questo dipenda esclusivamente dalla quantità di fattori esterni che ci ostacolano lungo il percorso. La realtà però è un’altra: il successo parte da dentro e gli unici limiti che abbiamo davvero sono quelli che ci convinciamo di avere.

Non sei convinta? Eccoti la mia classifica personale delle convinzioni limitanti più comuni nel business e le mie risposte, che potrai usare come promemoria ogni volta che inizierai una frase con “non posso perché…”

 

Non sono abbastanza brava/esperta/formata per…

Davvero credi che la businesswoman rampante che hai preso a modello sia nata con un bel bagaglio di competenze pronte all’uso? I risultati straordinari che vedi online o sui social sono solo la punta dell’iceberg, perché l’esperienza e la bravura si accumulano nel tempo, facendo cose anziché cincischiare per paura di non riuscire.

Invece di piagnucolare perché non ti senti abbastanza esperta, valuta con onestà le tue competenze ed elabora un piano d’azione per colmare le tue lacune quando è necessario (non devi saper fare proprio tutto!) senza lasciarti fregare dalla sindrome dell’eterna studentessa. Gli attestati, i titoli e altre amenità del genere sono il risultato di un percorso e comunque non assicurano il successo perché c’è una bella differenza tra sapere e saper fare.

Ami insegnare ma non sei ancora pronta per offrire corsi di livello avanzato? Benissimo: inizia dalle cose che sai fare bene, rivolgendoti a un pubblico che ha bisogno di consolidare le basi e proponi i tuoi corsi a un livello di prezzo adeguato al valore che offri. Con il tempo, diventerai più esperta e potrai offrire formazione più avanzata ma nel frattempo avrai fatto il primo e più importante passo: iniziare.

 

Non sono abbastanza conosciuta per…

Ah, questa poi! Se non proponi i tuoi servizi o non ti metti mai in gioco perché hai appena iniziato e nessuno ti conosce, come pensi di farti conoscere e diventare più popolare?

 

Non è ancora perfetto, quindi…

Come raccontavo in questo video, la perfezione non esiste e l’idea che tutto debba essere perfetto per poter avere successo è solo un modo per mettersi i bastoni tra le ruote e cedere alle proprie paure.

Pensa ai software: quando esce un nuovo programma, spesso dopo pochi giorni arriva un aggiornamento che serve proprio a sistemare le cose che avrebbero dovuto funzionare ma per qualche motivo creano conflitti o problemi.

Se sei una vittima del perfezionismo cronico, prendi spunto dalle case di sviluppo: fissa un tempo limite per fare una determinata cosa che ti mette paura, magari condividendola pubblicamente con chi ti segue, così sei fregata muahahaha! Poi fai quello che ti sei proposta di fare al meglio delle tue possibilità e capacità, rispettando la scadenza che ti sei imposta.

Ricorda: le persone non cercano la perfezione ma una risposta semplice ed efficace a un problema oppure un bisogno. Se non sarai completamente soddisfatta del risultato potrai migliorare la tua creazione in seguito, anche chiedendo un’opinione ai tuoi primi clienti o iscritti. Così non perderai tempo nel tentativo di perfezionare dettagli che vedi soltanto tu e darai più valore al tuo prodotto o servizio.

 

Non posso avere successo in Italia perché…

Il fatto che vivere in un determinato Paese impedisca di avere successo è una cacchiata grande come una casa. Se fosse vero, non ci sarebbe alcun imprenditore italiano di successo ma sai benissimo che non è così.

Dire “in Italia non si può” è soltanto una scusa per non provare. Puoi avere successo ovunque e in qualunque contesto, a patto che tu sia disposta a impegnarti il giusto e con costanza, anche ritentando cento volte se necessario.

Se la vocina molesta dentro di te continua a ripeterti che non hai successo perché vivi in Italia o perché le tue circostanze non te lo consentono, guarda i video delle Paralimpiadi e poi fatti un esame di coscienza.

 

Non ho abbastanza soldi per…

Ricordi quando da ragazzina volevi andare a tutti i costi al concerto del tuo gruppo preferito e hai fatto la babysitter per 3 settimane per poter comprare il biglietto? O quando hai risparmiato per mesi per poterti permettere quel meraviglioso viaggio a Parigi?

È vero, a volte capita di non avere subito tutto il denaro che ci serve per fare qualcosa che desideriamo o un investimento importante sul nostro business. Però rinunciare a priori solo perché pensi o temi di non potertelo permettere non è un’opzione!

Se qualcosa ti interessa o rientra nelle tue priorità, i soldi si trovano. E il primo passo per farlo è smettere di pensare che i soldi sono un problema o che non ne avrai mai abbastanza.

Il rapporto con il denaro è un argomento spinoso per tantissime persone, perché dietro ai pensieri limitanti sui soldi si nascondono blocchi e nodi che spesso non hanno nulla a che fare con i soldi veri e propri.

Se il tuo conto in banca è florido ma nella tua testa hai sempre troppo poco denaro per fare ciò che vuoi, devi correre ai ripari oppure la mentalità di scarsità e l’ansia ti accompagneranno per sempre. Puoi iniziare dal mio webinar gratuito Soulful Money, in cui ti insegno a riconoscere i tuoi blocchi sui soldi e ti spiego come risolverli per vivere più serena e iniziare ad attirare l’abbondanza nella tua vita.

Salva questo articolo su Pinterest: