Alzare i prezzi © Giada Carta

Dare un valore monetario ai prodotti o servizi che vendi è sempre complicato dall’inizio perché devi tenere conto di diversi fattori, e la difficoltà aumenta quando lavori da un po’ e senti l’esigenza di alzare i prezzi. Io ho cambiato più volte i prezzi di alcuni dei miei servizi, così oggi ho deciso di approfittare della mia esperienza per dare a te qualche consiglio su come e quando dovresti farlo anche tu.

 

Quando alzare i prezzi

La prima risposta a questa domanda è: quando non sei più soddisfatta di quello che guadagni. Attenzione, alzare i prezzi perché non fatturi abbastanza non è una cosa sensata, è più probabilmente una carenza di marketing alla quale puoi sopperire pubblicizzando più e meglio quello che vendi.

Se invece ti trovi a sentirti insoddisfatta di quello che guadagni per un determinato prodotto o servizio perché ci lavori per molto tempo e con risultati straordinari e ti sembra che la cifra che chiedi non rispecchi il valore della tua offerta, corri subito ad alzare i prezzi.

Corri ad alzare i prezzi anche quando i tuoi clienti ti dicono che sono troppo bassi: se il tuo target pensa che quello che offri valga molto più di quello che stai chiedendo in cambio non c’è storia, è proprio il caso di ascoltarlo.

Se il tuo servizio ha sempre una lista d’attesa infinita, se gli ordini per un determinato prodotto si accumulano incessantemente, se non riesci più a gestire una determinata offerta a causa delle troppe richieste, è il momento di alzare i prezzi.

Se sei diventata bravissima in quello che fai, se il risultato che le persone ottengono dalla tua offerta ha un valore incredibile, se ti stai trasformando in un’autorità nel tuo campo, se nel tempo hai aggiunto valore alla tua offerta è ora di alzare i prezzi.

Se fare i prezzi non è il tuo forte puoi seguire il mio webinar gratuito che ti insegna proprio tutto quello che c’è da sapere su prezzi, sconti e negoziazione coi clienti.

 

 

Cosa non fare

Non alzare i prezzi quando quello che fai non ti richiede alcuno sforzo in più o non ha davvero un valore aggiunto, perché non è leale né amorevole nei confronti dei tuoi clienti e la lealtà e l’amore, per costruire una buona relazione con loro, vengono prima di tutto.

È giusto mantenere sempre un’offerta accessibile per quelle clienti che vogliono avvicinarsi al tuo lavoro ma ancora non ti conoscono e sono felici di poter testare un servizio base prima di affidarsi a te per un percorso più complesso o un oggetto di valore più alto.

Non alzare i prezzi in continuazione o da un giorno all’altro: specialmente se lavori online, i clienti hanno bisogno di tempo per fidarsi di te e decidere di acquistare qualcosa, quindi comunica con il giusto anticipo che stai per cambiare le tue tariffe e permettigli di avere un po’di tempo per comprare al prezzo attuale se lo desiderano.

Non alzare i prezzi a caso, ma stabilisci le nuove tariffe sempre in base al giusto valore del tuo lavoro e della tua offerta. Se ti rendi conto di aver sbagliato a fare i prezzi all’inizio perché non sono sostenibili rispetto alla tua mole di lavoro, questo non è un buon motivo per alzare i prezzi subito e indiscriminatamente. Porta pazienza, impara dal tuo errore e dai alle tue clienti un tempo ragionevole per prepararsi all’aumento, che farai al momento giusto.

 

Come alzare i prezzi

Innanzitutto, stabilisci con un criterio ogni quanto cambiare le tue tariffe. Personalmente trovo che sia ragionevole alzare i prezzi al massimo ogni sei mesi: questo è il tempo che serve a te per fare un bilancio corretto della tua attività e alle clienti per scegliere se acquistare o no quello che offri al prezzo corrente.

Lavora d’anticipo: se sai che a gennaio alzerai i prezzi, avvisa i tuoi clienti al più tardi all’inizio di dicembre se non prima, in modo che abbiano minimo un mese per acquistare prima che le tariffe cambino. Pensaci, hai nelle tue mani anche un’ottima opportunità di marketing che ovviamente aumenterà il desiderio dei tuoi clienti di comprare quella cosa proprio ora, senza più rimandare!

Comunica chiaramente l’aumento su tutti i tuoi canali: non dare per scontato che chi ti segue su Facebook legga anche il tuo blog e la tua newsletter, scrivi ovunque che stai per alzare i prezzi così tutti i tuoi clienti saranno a conoscenza della novità.

Se sei all’inizio della tua attività o stai lanciando un nuovo prodotto, prevedi un aumento di prezzo graduale fino ad arrivare alla tariffa definitiva che vuoi proporre.

Una volta che hai deciso, non tornare mai indietro. Ricordati che un prezzo premium corrisponde a un cliente premium, e che quando qualcuno si lamenta per il prezzo di quello che offri significa che non dà a quello che vendi il giusto valore, il che molto spesso si traduce in un continuo di richieste di sconti o di lavoro extra da parte tua. Fatti un favore, scegli di non lavorare con questi clienti e mantieni la tua linea e la consapevolezza del tuo valore, per cui è giusto ricevere un compenso adeguato.

Se quando si tratta di stabilire un prezzo o di negare uno sconto sei un disastro completo, anche a questo trovi una soluzione nel mio webinar gratuito su come fare i prezzi e negoziare coi clienti. Ti aspetto!