Trova la tua armonia con Estia © Giada Carta

Se ti trovi incastrata in una vita frenetica e troppo impegnata è molto facile perdere di vista la tua voce interiore, quella che ti suggerisce sempre cosa è più giusto per te, e così finisci molto presto per sentirti a disagio nelle tue giornate e nel tuo stesso corpo, ben lontana dall’armonia che invece ti piacerebbe sperimentare ogni giorno.

Un modo infallibile per recuperare l’armonia interiore e trasferirla nella tua vita e in ogni giornata è coltivare l’archetipo Estia, uno dei miei preferiti. Come ti raccontavo in questo post Estia è la dea del fuoco interiore, quella che più di tutte può aiutarti a restare sempre connessa con il tuo centro più solido e autentico, e oggi voglio darti qualche spunto per aiutarti a coltivare la sua energia.

 

Trova Estia nel silenzio

Puoi immaginare Estia come una donna riservata e silenziosa, che non sopporta il rumore e ama rilassarsi circondata dal silenzio più totale. Per assomigliarle un po’quindi impegnati, ogni giorno, a passare un po’di tempo nel silenzio più completo: credimi, non è né semplice né scontato e appena ci provi te ne accorgerai!

Rifugiati in un posto solo tuo e chiedi di non essere disturbata per nessun motivo, spegni telefono, televisore e musica e limitati a essere presente nel momento e a godere del silenzio attorno a te, senza fare nient’altro. Se ti impegni a fare questo esercizio ogni giorno, anche solo per cinque minuti, vedrai immediatamente dei benefici enormi.

 

Impara a fermarti e ascoltare il tuo intuito

Impegnati a fermarti un momento prima di prendere qualsiasi decisione, anche la più piccola. Se ti invitano a una festa, non dare immediatamente una risposta: rispondi che controllerai la tua agenda e poi, con calma, chiediti se davvero hai voglia di andare a quella festa o no e solo allora dai la tua risposta.

Se devi prendere una decisione importante, non limitarti ad analizzare la situazione razionalmente ma prenditi del tempo e metti in gioco anche la tua intuizione. Se tu e il tuo intuito non vi parlate da un po’, questo è un metodo infallibile per riprendere i contatti con questo potentissimo alleato.

 

Crea armonia nella tua casa

Se non c’è armonia nei tuoi spazi è difficilissimo riuscire a crearla dentro di te: impegnati quindi a lavorare sulla tua casa, a partire dalla stanza in cui passi più tempo ed eliminando tutto quello che non ti serve più. Non pensare a buttare le cose, ma a tenere quelle che davvero sono importanti per te. Soppesa ogni oggetto e chiediti se davvero contribuisce alla tua armonia o se invece sta solo occupando spazio che potrebbe essere destinato a te o a qualcosa di nuovo che ti rende più felice. Infine, pulisci tutta la casa come esercizio zen, e poi crea l’atmosfera che desideri sperimentare in ogni angolo della tua casa.

 

Sintonizzati col tuo corpo

Se gli spazi in cui vivi sono così importanti per trovare l’armonia, figurati quanto lo è il corpo! È lì che puoi sentire con maggiore chiarezza come stai, perché il malessere interiore si riflette sul corpo quasi istantaneamente. Ti avevo già dato qualche dritta per prendertene cura, ma quello che ti chiedo di fare oggi è ascoltarlo. Fermati a riflettere sull’istante in cui ti trovi: cosa ti sta dicendo il tuo corpo? Senti male da qualche parte, hai un magone alla gola o allo stomaco, ti senti in affanno? Oppure ti senti piena di energia, fluida, morbida e in salute?

Da oggi, impegnati a concentrarti sul tuo corpo almeno tre volte al giorno, semplicemente restando in osservazione, e ad agire seguendo i suoi messaggi. La frutta e la verdura fanno bene, si, ma a te fanno bene sempre? Hai davvero voglia di mangiare quella mela, oppure il tuo corpo ti sta suggerendo qualcosa di diverso? Hai davvero ancora fame oppure sei piena e quel piatto di pasta puoi anche lasciarlo a metà?

 

Vivi una giornata seguendo solo i tuoi ritmi

Estia è l’archetipo che, più di ogni altro, soffre quando non può seguire il proprio ritmo interiore. Per questo, per coltivare le sue qualità dentro di te, è importantissimo prendere consapevolezza di quanto la tua velocità interna e quella della tua vita corrispondono l’una all’altra. Vorresti dormire fino a tardi e invece devi alzarti ogni giorno prestissimo? Finisci sempre il tuo lavoro verso le 17 e sei costretta comunque a stare inutilmente in ufficio fino alle 18? Vorresti fare yoga la sera e invece lo fai in pausa pranzo?

Fai una bella autoanalisi e poi impegnati a vivere almeno una giornata seguendo solo ed esclusivamente i tuoi ritmi interiori. Se non vivi da sola e anche in un giorno di riposo la famiglia non ti permetterebbe di farlo, prendi con te stessa l’impegno di passare una giornata fuori da sola appena possibile, da vivere secondo il tempo scandito dal tuo orologio interiore.Salva

Salva